Pensieri & Parole



Spudoratamente copiata dal titolo di una delle più belle canzioni della coppia Battisti-Mogol (forse la più bella) in questa categoria voglio inserire quelli che io chiamo “i dibattiti notturni con Riccardo”.

Forse, anzi senza forse, uno dei miei più grandi difetti è quello di essere un inguaribile sognatore con i piedi per terra. Una persona che, pur avendo a che fare con cose concrete, fredde, se vogliamo anche asettiche, continua a sognare ma, come diceva il poeta, “senza fare dei sogni i miei signori”.

In fondo, se vogliamo, interessarsi di informatica, quelle vera non quella della Programmazione pura e semplice, vuol dire riuscire ad avere una visione generale del problema, riuscire a interrogarsi sui vari aspetti del mondo, piccolo o grande che sia, dove il problema ricade.

E, questo, spesso, significa affrontare anche temi completamente diversi da quelli che il problema include. Argomenti vari, dal Terzo Settore all’Ecologia, dal Volontariato alla Politica. Argomenti che mi stanno a cuore e che voglio, pubblicamente, condividere


  • Sono un Boomer e me ne vanto!
    Io, che sono a tutti gli effetti un Baby Boomer, nell’espressione “OK, Boomer” ci vedo un’alzata di occhi verbale che esprime derisione, frustrazione e compiacenza sovversiva con, in fondo, un appello per un gesto affettuoso e rassicurante. E che, soprattutto, mi dice qualcosa di importante sulla nuova generazione di cittadini: sono preoccupati.
  • Transizione al Digitale e Terzo Settore
    È vero, nessuna norma di legge impone agli Enti del Terzo Settore (ETS) di gestire la Transizione al Digitale, obbligo che incombe su tutti gli Enti Pubblici iscritti nell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA). Qualche dirigente di ETS sicuramente mi dirà: “Ci mancherebbe altro, ne abbiamo già troppe con il RUNTS, il famigerato Registro Unico Nazionale del Terzo Settore, le norme sulla contabilità, gli obblighi ai quali dobbiamo adempiere e che sono sparpagliati in una miriade di leggi e decreti dispersi ogni dove”.